Torna alla homepage
Torna alla homepage Centro Pubblico Produzione Selvaggina "Montalto"
Allevamento Collaborazioni esterne Convegni Contatti Ringraziamenti Links
Torna alla homepage Alimentazione e profilassi

L'alimentazione

Il programma alimentare degli animali è progettato in dettaglio grazie anche alla collaborazione con il Dipartimento di Produzione Animale dell'Università degli Studi di Pisa in corso dal gennaio 1992 e volta allo studio dell'alimentazione delle lepri allevate in cattività. Il periodo di maggiore attività degli animali è concentrato nelle ore notturne, durante le quali essi espletano i loro bisogni fisiologici. L'alimentazione è frazionata in tanti piccoli pasti e l'abbeverata è suddivisa in più bevute. Durante il giorno l'animale staziona nel covo ed alterna periodi di riposo ad operazioni di toelettatura personale.

Le materie prime utilizzate in allevamento per l'alimentazione delle lepri sono miscele di mais, grano, orzo, avena, farina di soia o girasole, farina di medica disidratata e cruschello di grano tenero, e mangimi composti integrati pellettati, che offrono grande praticità di impiego e le più elevate garanzie di razionalità alimentare. Il consumo di acqua è variabile: in condizioni normali sono sufficienti 0,3-0,4 litri d'acqua per 150 gr. di alimento secco ingerito. In fase di lattazione o nel periodo estivo il fabbisogno raddoppia.

La profilassi

Anche la profilassi sanitaria è seguita attentamente dall'Università degli Studi di Pisa. Essa viene effettuata tramite la disinfestazione a calendario delle gabbie con sali quaternari di ammonio o disinfettanti equipollenti. Trattamenti con antibiotici, anticoccidici e vaccini, vengono programmati ed effettuati soltanto in caso di effettiva necessità su richiesta e controllo del Dipartimento di Patologia Animale, con il quale dal 1999 è stato instaurato un rapporto di collaborazione per lo studio sulle malattie della lepre ed in particolare sull'evoluzione dell'E.B.H.S. (European Brown Hare Syndrome).